Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookie Policy.

A- A A+
  • La Festa di San Giorgio +

    Il 23 aprile si svolge ogni anno la festa religiosa dedicata al patrono san Giorgio. Non è noto il motivo Leggi Tutto
  • IL Vino alla Mandorla +

    È il prodotto tipico del borgo. Venne inventato da don Vincenzo Blandano, titolare del famoso bar san Giorgio, che amava Leggi Tutto
  • Il Sifone +

    Serpeggia ai piedi del nostro colle un ruscello, dalle antiche leggende che, per la valle angusta e profonda, spinge le Leggi Tutto
  • A Truvatura +

    Una leggenda ancora molto viva nella memoria paesana è quella della cosiddetta “truvatura”, ovvero il ritrovamento di beni preziosi. Si Leggi Tutto
  • I Presepi di Castelmola +

    Castelmola negli anni 90’ è riuscita a rendersi nota, durante il periodo natalizio, per la realizzazione dei presepi. Nel 2007 Leggi Tutto
  • 1

Feste e Tradizioni

Si vuole che le mura di questo splendido paese siano state opera della mano di Cam, figlio di Noè, che caccio il fratello Japet dalla Sicilia. Questi luoghi allora rimasero possedimento dei discendenti di Cam e del suo popolo. Dal vicino Etna i Ciclopi amavano passare per queste colline e non dovevano di certo impiegare molto tempo per compiere il tragitto, una bella passeggiata tra mare e colline, delle quali spesso staccavno le cime, per fare delle colline e dei monti sedili da dove ammirare le bellezze naturali e riposare il corpo dalle fatiche del loro lavoro. Ma i ciclopi aggiungevano anche un'altra occupazione: le cime spezzate venivano scagliate a gara tra loro sul mare jonio sottostante per collocare qua e là scogli e promontori e rendere più affascinanti baie, spiagge e golfi sui quali si frangono le onde spumeggianti, che contornano l'azzurro di un mare sempre bello. Così il promontorio S.Andrea, tra Mazzarò e l'Isola Bella, si afferma che sia stato formato dalla cima del monte Ziretto, che lo sovrasta proprio dall'alto e che un ciclope spezzò e mando giù per gioco. In questo modo i nostri avi hanno voluto magnificare le bellezze di questi luoghi sui quali hanno hanno voluto vivere e che hano amato e rispettato. Anche i nostri padri hanno amato e rispettato. Anche i nostri padri hanno mantenuto lo stesso attaccamento, ed hanno consegnato alle nostre generazioni impegni e messaggi, che alcuni spesso hanno dimenticato, anche se poi, dimentichi del danno che abbiamo arrecato, sentiamo nostre le bellezze rimaste e ci gloriamo di quello che Iddio ha voluto donarci. E se la vita, con le sue lotte, i suoi dolori, le gioie e le esaltazioni, ma anche le prostrazioni e le lacrime, passa su queste contrade, viene addolcita dal bello, che rasserena e conforta, apre l'animo alla contemplazione ed alla scoperta dell'infinito, mentre il cuore si sublima e si esalta nella contemplazione estatica della natura.

Castelmola Taormina e dintorni di Arturo D'Agostino - Giardini Naxos 2007

Meteo

Cloudy

13°C

Castelmola

Cloudy

Umidità: 76%

Vento: 0.00 km/h

  • 16 Dec 2017

    Rain 15°C 7°C

  • 17 Dec 2017

    Mostly Sunny 13°C 6°C

Galleria Fotografica